Sabato 20 Dicembre 2014 - Utenti connessi: 16 - N° Visitatori: 74133

Cronaca & Attualità:

Picchia paziente psichiatrico causandogli fratture alle costole, arrestato infermiere

Ricoverato aveva preso mela dal frigo senza chiedere il permesso

L'infermiere di una struttura psichiatrica é stato arrestato dai carabinieri e collocato ai domiciliari per aver picchiato un paziente causandogli la frattura di alcune costole e traumi vari, giudicati guaribili in 40 giorni. All'uomo è stata notificata un'ordinanza di custodia cautelare del gip del Tribunale di Trani. L'episodio è avvenuto nello scorso mese di giugno: sarebbe stato originato dal fatto che il paziente, senza permesso, aveva preso una mela da un frigorifero. Nei giorni scorsi il ferito ha confidato l'accaduto ad un altro paziente che ha sporto denuncia portando alla luce l'incredibile avvenimento.

Visualizzazioni 212 di Redazione CTS, autore
Condividi su facebook

Inviaci un commento alla news

Autorizzo il trattamento dei dati personali secondo il decreto legge 196/03.

L'EDITORIALEConsulta l' archivio

QUESTIONE IMPORTANTE CIRCA SANITA' E DIRITTO ALLA VITA
di Fonte: nocensura.com

A cura di nocensura.com


***QUESTIONE IMPORTANTE*** di cui ovviamente i media non parlano... Leggete e guardate il video, DOVETE SAPERE! Non è vostro diritto, ma vostro DOVERE interessarvi a questi scandali che riguardano tutti noi!

Guardate il video allegato, parla il dr. Alessandro Lanzani (alias Frastornante
?) che spiega: "L'epatite C porta ad una morte molto brutta e piena di sofferenze, chi conosce qualcuno che ha avuto questo problema lo sa"

Apro una parentesi: Personalmente ho conosciuto una persona morta a causa dell'epatite C, che nel giro di diversi anni si è trasformata in cirrosi epatica. La malattia provoca forti malesseri, difficile rendere l'idea, inotre devo ammettere di aver assistito da "osservatore" quindi ho una conoscenza limitata. Ma ricordo che gli occhi e la pelle diventano gialli, inoltre l'individuo gonfia moltissimo, trattiene litri di liquidi che vengono aspirati A LITRI con una siringa. Il soggetto ha una decadenza tremenda.

UN'AZIENDA PRIVATA HA TROVATO LA CURA! FINALMENTE! MA ESIGONO 600€ A PILLOLA, E LA TERAPIA NECESSARIA PER GUARIRE COSTA 45.000€ !!!

L'AZIENDA SA CHE è UNA QUESTIONE DI VITA E DI MORTE... E CHE LA GENTE è DISPOSTA A VENDERE CASA PER SOPRAVVIVERE...

Produrre la compressa ormai costa POCHI CENTESIMI, il vero costo non è la produzione, ma il lavoro di ricerca che c'è stato dietro. In nome di questo, chi brevetta un farmaco per ANNI lo commercia in via esclusiva, al prezzo che gli pare!

QUESTO è IL SISTEMA SANITARIO...

IN ITALIA CI SONO OLTRE 300.000 MALATI; il governo dopo non poche polemiche ha stanziato 1,5 miliardi per la cura. Soldi che andranno nelle casse del produttore in cambio di una quantità di farmaco che permetterà di salvare la vita e guarire 22.000 persone;

Premesso che vorremmo capire bene a chi sarà assegnato e a chi no, secondo quali criteri. Pare che avranno la precedenza i più gravi, quelli più vicini alla morte.

22.000 persone avranno salva la vita, gli altri 280.000 malati non avranno accesso alla medicina, a meno che non se la paghino di tasca. CONTINUERANNO QUINDI A PEGGIORARE, tra atroci sofferenze, e se lo stato non gli pagherà la cura, in futuro, andranno incontro alla morte.

E' ASSURDO E DISUMANO che 280.000 persone malate che potrebbero finalmente guarire, debbano restare malate per una questione di soldi!!!

MA CI RENDIAMO CONTO A CHE PUNTO SIAMO ARRIVATI ?!?!?!'

E ricordiamoci che grazie a Monti e Balduzzi (ex min. della Sanità del governo Monti) MOLTI FARMACI IMPORTANTI E COSTOSI, COMPRESO I "SALVAVITA" SONO DISPONIBILI SOLO A PAGAMENTO: http://www.nocensura.com/2013/07/grazie-monti-e-balduzzi-farmaci.html


Per chi non può permettersi le migliori cure, ci sono gratis farmaci poco efficaci...

Il dottor Lanzani gestisce il canale Youtube e la pagina Facebook Frastornante

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO

Fonte: http://www.nocensura.com/2014/12/questione-importante-circa-sanita-e.html

La democrazia non serve più
di Fonte: informarexresistere.fr

In Giappone vota la metà degli elettori, in Turchia arrestano i giornalisti, in Spagna si vogliono impedire le proteste di piazza, in Italia procede la governance autoritaria su ogni aspetto. Cosa significa?

Il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha vinto le elezioni anticipate da lui stesso convocate per cogliere il residuo quantum di popolarità sul viale del tramonto. È riuscito nella rischiosa operazione e ora si appresta – dall’alto dei due terzi della Camera bassa che costituisce la sua nuova maggioranza – a modificare la Costituzione, sviluppare gli armamenti e a rivoltare il paese con “riforme strutturali”, a partire dal mercato del lavoro e dal welfare.

Qualcosa di già sentito, vero? Così come la clamorosa disaffezione al voto che ha colpito il solitamente partecipe elettorato nipponico, presentatosi alle urne con solo metà degli effettivi (il 53%, per la precisione). Anche lì, nell’arcipelago del Sol Levante, non ci sono alternative credibili all’unico partito al potere, sedicente liberale. Non lo sono i socialisti, non lo sono i democratici e altri minori. Crescono – in percentuale e seggi – i comunisti, che superano per la prima volta la decina e ottengono 21deputati, nonostante la Camera Bassa ne preveda ora molti meno di prima (anche la “riduzione dei costi della politica” è merce comune a Tokyo).

In Turchia il governo – non staremo certo qui a discutere di “indipendenza della magistratura” locale – fa arrestare decine di giornalisti dei media dell’opposizione. Accusati nientepopodimeno che di “terrorismo”, mentre da Unione Europea e Stati Uniti arrivano flebili voci ufficiali di critica e non tutti i giornali italiani “importanti” – si veda il Corriere della Sera – ritengono questa una notizia da prima pagina. Anche la “libertà di informazione” vale meno, sembra di intuire, quando riguarda un’altra redazione.

In Spagna stanno varando una durissima Legge antiproteste e si arrestano i militari che denunciano l’addestramento a fini di ordine pubblico interno, contro normali manifestanti.

In Italia sappiamo bene come sta andando, tra controriforma del diritto del lavoro, svuotamento rapido della Costituzione e del Parlamento, proposte di legge elettorale che non lascino spazio a nessuna opposizione reale, ecc; ma continuiamo a guardare agli eventi come se non ci riguardassero davvero, a metà strada tra il disincantato e lo stupefatto, o il “voglio proprio vedere dove vogliono arrivare”.

Il punto d’arrivo è secondo noi chiarissimo. E planetario.

Ovunque si mette mano a “riforme costituzionali” di segno ultra-autoritario, svuotando i “contrappesi” e concentrando nel potere esecutivo anche quello legislativo.

Ovunque si “riforma” il mercato del lavoro, azzerando diritti conquistati a forza di licenziamenti, arresti, morti.

Ovunque si demoliscono istituti e strutture del welfare in nome della necessità di tagliare la spesa pubblica e raggungere il pareggio di bilancio.

Ovunque si cerca di azzerare i “corpi intermedi” – partiti, sindacati, associazionismo – in grado di concentrare (anche solo potenzialmente) interessi sociali diffusi in domanda politica organizzata.

Ovunque si limita la libertà di informazione. Sul piano economico, in primo luogo; reprimendo direttamente, se non basta.Ovunque si potenziano le forze di polizia concentrandone i compiti nella repressione del dissenso interno, fin dagli stadi iniziali.

Ovunque si mette mano alla riduzione della libera circolazione delle persone – dei migranti “poveri”, in primo luogo – mentre si pretende l’assoluta libertà di circolazione di capitali e merci.

È significativo – oltre che singolare – che tutti questi fenomeni si mostrino quando la conflittualità “sistemica”, anticapitalista, è globalmente ridotta la punto più basso della storia. Mai come in questi anni i “nemici di comodo” (Al Qaeda prima, l’Isis adesso, passando per i Saddam e i Gheddafi) sono stati moltiplicati per creare incertezza generale e giustificare misure illiberali palesemente tali (tortura compresa).

L’assenza di un avversario all’altezza, di un antagonista “minaccioso”, insomma, non ha portato il potere capitalistico sulla via della “maggiore libertà per tutti”, ma in direzione diametralmente opposta.

Impossibile non vedere, al di sotto di questa dinamica, l’avanzare incontrollato di una crisi davveroepocale, che fa data ormai dagli anni ’70 del secolo scorso. È da allora, infatti, che nei think tank più spregiudicati del capitalismo multinazionale – una tra tutti la Commissione Trilaterale -  è stata formalizzata la consapevolezza che la democrazia liberale era diventata fondamentalmenteincompatibile con la governabilità del sistema nel suo complesso. A prescindere dall’esistenza o meno di una alternativa radicale (che, pure, allora esisteva).

Non esiste un “complotto mondiale” per liquidare la democrazia. È semplicemente l’esigenza digovernance – nel senso imprenditoriale del termine, come “gestione amministrativa” di una macchina produttiva – a premere continuamente in questa direzione. Non per caso, notava oltre un anno fa una testa sveglia come Guido Rossi, “il connubio tra mercato e democrazia, con buona pace di tanti arroganti sacerdoti del neoliberismo, è storicamente tramontato”.

È pensabile affrontare un “tramonto storico” con la strumentazione concettuale – “politica” compresa – nata per accompagnarne l’alba? Cambiare passo e mentalità è sempre difficile, ma è il minimo sindacale che dobbiamo fare…

Fonte: Contropiano

Fonte: http://www.informarexresistere.fr/2014/12/17/la-democrazia-non-serve-piu/

VIDEO DA YOUTUBE

Informazione

CTS notizie

Palermo in Co...

Consiglio Com...

Salute & Soci...

Tgweb

Babylon Cafè

Salute e bene...

Il Consiglio ...

Promo CTS

Provincia di ...

Comune di Pal...

CTS notizie s...

IRCAC

SICI'

TG TeleSicili...

Intrattenimento

FRANCESCA

Silvio Rocco ...

Biffy Music T...

Flash Music

Roberta Bella...

SCUGNIZZO

Il Salotto di...

Palla al Cent...

M.Mordino

Settanta

Verità in dir...

Cangialosi pr...

Tutt'apposto

Via Montalbo

Alex-Melissa-...

Documentari

A TU PER TU c...

Carmelo Stile...

Anna

Fabrizio Colo...

Stranuamuri S...

Le Tigri

Mare Musica &...

Blue Moon

Royal Music

Scusate il Ri...

L'Amore in Mu...

Red & Movida

La Musica che...

CTS Vintage

Intrattenimento

Gli Speciali ...

PROFILE

Agalmata

Vox Populi

BorgoItalia

MOTORI

Batti & Ribat...

Liberi di

Viaggiando

Dal nostro ma...

CTS Focus

Sotto la curv...

Medicina Oggi...

Comici da leg...

MEDICINA 2005...

Costretti in ...

COMICI

Rubriche

Pagina dello ...

Cabarettiamo

Rotocalcio

Io Vedo Rosan...

Canali Web

CTS

Tele Sicilia

Video Mediter...

Tele Video Ag...

ONDA TV

AccuRadio

VideoSicilia

TUTTI I COMUNI DI SICILIA

A

B

C

D

E

F

G

I

J

L

M

N

O

P

R

S

T

U

V

Z